Cari Arcadiani e amici del Capri Comics, dopo tanto parlare anche noi non possiamo esimerci dal dire la nostra sul primo volume della serie più attesa dell’anno: la quarta stagione di Stranger Things.

Ecco quindi qualche pillola sui questi primi sette episodi che ci hanno riaperto alla dimensione del Sottosopra.

In attesa del gran finale che attendiamo a luglio, iniziamo col dire che tutti gli episodi sono piuttosto corposi, da un’ora circa, per una serie che ha rivoluzionato l’intrattenimento televisivo e che ancora riesce a stupire e dettare regole. I fratelli Duffer hanno messo su una stagione davvero cupa e avvincente, con trame che si intrecciano vorticosamente e colpi di scena che ci lasciano senza fiato.

Ricordiamo che la terza stagione si è conclusa con una battaglia che ha lasciato Undici (Millie Bobby Brown) senza poteri e con tutti i protagonisti divisi fra Hawkings, la California e una zona sperduta della Russia. Tutti loro sembrano vivere delle crisi personali che pesano nei loro rapporti interpersonali.

Personalmente, devo dire che i protagonisti principali sono stati affrontati con maggiore intensità e spessore. Max (Sadie Sink) ha un ruolo marcatamente incisivo e la coppia Robin/Nancy (Maya Thurman-Hawke/Natalia Dyer) ci regala una bella trovata innovativa, per non parlare di Erica (Priah Ferguson), che risalta in ogni scena in cui è presente.

Siamo negli anni ’80 e una serie di orrendi omicidi scuote la cittadina di Hawkings. Da qui parte la serie, con i suoi consueti omaggi a film (tra cui Nightmare, anche con la presenza di Robert Englund nel cast), canzoni (si segnala Running Up That Hill di Kate Bush, utilizzata a pennello in una scena di grandissimo impatto) ed elementi vari della cultura pop di quegli anni, uno su tutti il club di D&D che battezza il nemico e che rievoca l’ingiusta e bigotta demonizzazione che tempo fa colpì questo gioco e chi vi partecipava.

Vi è anche il ritorno del Dottor Brenner (Matthew Modine), che ci riserva delle sorprese che emergono dal passato, ma il ruolo migliore è senza dubbio quello personaggio antagonista, Vecna interpretato sotto l’orripilante trucca da Jamie Campbell Bower, che ha il potere di bucare lo schermo e tenerci incollati alla poltrona.

Non voglio fare troppi spoiler, ma se non avete visto questa serie ve la consiglio caldamente: ora avete anche la quarta stagione da gustarvi. Io sono già in attesa (come anche il maestro Stephen King) degli ultimi due episodi.

Stay strange e… attenzione al Demogorgone…

About the author

Redattore | + posts

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.