Diabolik, il “re del terrore”, festeggia il traguardo dei 900 albi, sessant’anni di pubblicazioni, con un’edizione speciale con copertina laminata.

Creato dalle sorelle Angela e Luciana Giussani nel 1962, l’antieroe per eccellenza del fumetto italiano avrà quindici ore, 900 minuti, per affrontare un nemico proveniente dal passato in una storia ad alta tensione. Pochi sono i fumetti che possono vantare una storia editoriale così duratura, con delle storie che si sono adattate ai tempi e che si sanno re-inventare, da poco è anche uscito al cinema il film dei Manetti Bros.

Diabolik, fumetto che negli anni Sessanta, alla sua nascita, venne visto come “politicamente scorretto” e passato indenne tra censure, messe al bando ecc… approda, dunque, sino ad oggi, tagliando un traguardo di tutto rispetto, preludio tra l’altro, ci si augura con tutto il cuore, di quello dei “tre zeri”, quel numero 1000 che tra non molti anni sarà sicuramente un momento storico e simbolicamente significativo. Ma non andiamo troppo in avanti, godiamoci il presente, ovvero le tre uscite mensili di Diabolik (l’inedito il primo giorno di ogni mese, la ristampa ogni decimo dei trenta giorni, il numero “swiss” allo scoccare del giorno 20) e soprattutto il 900 da qualche giorno in edicola. 

In quest’albo celebrativo ritroveremo vecchie conoscenze come Ronin e Walter Dorian (un’identità di Diabolik) che si troveranno invischiate con un nemico machiavellico come Cobra in un albo adrenalinico dove in nostro eroe verrà messo alle strette e dovrà trovare il sangue freddo per poter fronteggiare la sfida. C’è anche un omaggio al direttore Mario Gomboli che qui veste gli abiti del giudice. Ma non vogliamo svelarvi troppo perché è un albo da leggere tutto di un fiato anche per la sua importanza nella continuity narrativa del personaggio.

Inedito n. 2

Anno: 2022

Numero pagine: 120

Copertina: Matteo Buffagni

Soggetto: Mario Gomboli e Andrea Pasini

Sceneggiatura: Andrea Pasini e Rosalia Finocchiaro

Matite: Sandro Giordano e Giuseppe Palumbo

Chine: Jacopo Brandi e Giuseppe Palumbo

Lettering: Inventario Bologna

Retini: Leonardo Vasco

About the author

Direttore editoriale | + posts
Redattore | + posts

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.