“Fumetti alla riscossa” è il titolo e la copertina dell’ultimo numero de “Il Venerdì”, l’inserto settimanale del quotidiano “La Repubblica”. E non si vuol nascondere la soddisfazione a nome del popolo fumettaro, che si spera frequenti copioso e numeroso anche questo spazio, se lo storico inserto di una storica testata giornalistica, dedichi non una rubrichetta a pagina 100, non un articoletto sulle ultime novità in edicola nelle ultime pagine, tra ricette di cucina e programmi tv (entrambe categorie, che comunque meritano altrettanto rispetto), ma la copertina, il titolo della settimana, l’argomento principe del numero in edicola.

Ebbene sì, a sfogliare “Il Venerdì” si ha la sensazione (finalmente) che tutti, e non solo quella “nicchia” dove ingiustamente viene catalogato il popolo fumettaro, abbiano capito quanto sia importante, popolare, in ascesa, in controtendenza rispetto alla crisi generale di lettura ed editoria, il mondo dei comics.

“Il Venerdì” de “La Repubblica”, in una vera e propria inchiesta che porta la firma di Piero Melati, infatti, svela numeri e cifre, informando che “in Italia sono nove milioni i lettori di Zerocalcare, Dylan Dog, Dragon Ball e c.”. Una bella rivincita il passaggio di categoria, volendo usare un gergo calcistico, dall’ingiusta considerazione per decenni di essere serie B alla legittima e ben meritata serie A, anzi Champions League, visto che, come sottolineato nelle pagine de “Il Venerdì”, sono proprio i fumetti uno dei pochi baluardi a sfidare il digitale, sono proprio i fumetti a resistere e difendere la bandiera della “carta”, sono proprio i fumetti uno dei pochi fenomeni in crescita rispetto alla tendenza ormai globale fatta di “cose da vedere” e non più “da leggere”.

Come si legge nella sopracitata fonte, “i lettori di comics sono ormai nove milioni, e spaziano dagli adolescenti appassionati di manga ai fan di Zerocalcare ai più maturi appassionati del glorioso Tex Willer della Bonelli editore. Leggono, e comprano, soprattutto libri di carta, e questa è un’altra realtà in controtendenza rispetto al resto del mercato. Tanto che la Star Comics di Perugia, specializzata appunto in manga, è diventata la terza casa editrice italiana per vendite, dopo Mondadori ed Einaudi”. 

Fumetto, quindi, a unire le generazioni, fumetto quindi come dimostrazione che esiste ancora qualcosa che mette insieme, caso più unico che raro, in un ideale filo, età e generazioni completamente diverse. E poi, nel settimanale de “La Repubblica”, in questa sorta di speciale dedicato al fumetto, che non potrà mancare nelle collezioni di ognuno dei lettori fumettari, anche un secondo servizio, quello di un altro giornalista de “Il Venerdì”, Valerio Millefoglie, che è andato a Perugia per fare visita alla prima (si spera prima di una lunga serie…) biblioteca comunale italiana dedicata a fumetti e letteratura illustrata. Un sogno diventato realtà in Umbria con il nome “La Biblioteca delle Nuvole”, che si auspica faccia da viatico a decine, centinaia, migliaia di biblioteche del fumetto su tutto il territorio tricolore.

Last but not least, in un numero de “Il Venerdì” che non si può proprio perdere, un terzo reportage dedicato alla nona arte, ovvero quello della connessione tra fumetti e cinema con la presentazione del nuovo film “The Batman”, con l’ex vampiro Robert Pattinson che il settimanale del gruppo editoriale “GEDI” ha presentato con un’intervista in esclusiva di Lorenzo Ormando al regista Matt Reeves.

Doverosa segnalazione, infine, per il disegno in copertina (a sua volta da collezione anch’esso): una illustrazione di “Ale+Ale” che propone i big del fumetto italiano e mondiale ritratti come ne “La Lunga Marcia”. 

“Il Venerdì” in allegato con “La Repubblica” del 28 gennaio 2022 (illustrazione di copertina di Ale+Ale)  

About the author

Direttore editoriale | + posts

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.